Non lasciarmi mai andare

Quattro giorni per finire questo romanzo che ho letto più avidamente di quanto mi aspettassi, svegliandomi persino presto al mattino per ritagliare del tempo per la lettura.

Tuttavia non sono priva di perplessità, lo stile in particolare risulta strano, e non comprendo ancora se si tratta di una scelta voluta dall’autore o meno: il romanzo è narrato in prima persona dal punto di vista della protagonista, pertanto si può pensare che questo particolare stile sia lo stile scelto per dar voce alla protagonista, quindi corrispondente alla storia del personaggio. In tal caso lo stile é assolutamente funzionale al racconto, contribuendo alla sensazione di straniamento del lettore.  Per comprendere meglio questa scelta stilistica non resterà che leggere il testo in lingua originale e altri romanzi dello stesso autore. Il romanzo del 2005 di Kazuo Ishiguro, premio Nobel per la letteratura 2017, ha anche una trasposizione cinematografica: Non lasciarmi (Never Let Me Go) – film del 2010 diretto da Mark Romanek.

Nel frattempo per chi non lo avesse ancora letto non posso far altro che consigliare questo libro, soprattutto a chi come me è un amante della fantascienza. Certo non ci sono navicelle spaziali, ma il tema centrale è assolutamente futuristico. Ancora una volta la fantascienza ci offre l’occasione per riflettere sul nostro tempo, su noi stessi e questo romanzo in particolare anche sulla forza e costrizione della cultura di cui siamo parte.

È facile innamorarsi dei tre protagonisti, ma se spesso si viene assaliti dalla rabbia e si vorrebbe scuoterli e chiedergli “perché non reagite? perché non vi ribellate?”. Me lo chiedo ancora adesso, perché? Forse appunto perché finché siamo immersi nelle nostre convinzioni, nei nostri usi e costumi che sono sempre stati gli stessi fin dalla nostra nascita e in cui siamo cresciuti, semplicemente non riusciamo a vederli dall’esterno. A volte percorriamo la vita secondo le prescrizioni della società di cui siamo parte, senza chiederci se un altro modo/mondo é possibile. Il pregio del libro risiede a mio avviso proprio in questo senso di straniamento che provoca: se cercate qualcosa che vi metta in moto il cervello e vi faccia esplodere mille domande, questo è il libro che state cercando.

Annunci

Una risposta a "Non lasciarmi mai andare"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: