La storia

 

La storia di questa casa è strettamente intrecciata alla memoria dell’ultima persona che l’ha abitata: lo zio-barbe.

Sono cento anni stratificati nello spazio, con cui è giunta sino a noi, che compone la forma attuale; un insieme d’alterazioni discrete e riconoscibili sottolineate da pochi arredi coevi.

Due corpi separati, in fondo a un vicolo. La casa e la stalla sono visibili oltrepassato un androne dentro uno spazio condiviso delimitato da quinte continue sul lato Sud e forate su quello prospicente a Nord. Oltre cannocchiali visivi verso quella che era la campagna bagnata dal canale Ledra in prossimità della chiesetta di San Martino.

Annunci

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: